DOCENTI

IMG_2303

JOSEPH ALESSI

Direttore Artistico
Primo Trombone – New York Philharmonic
Professore di Trombone – The Juilliard School

Joseph Alessi è stato nominato Principal Trombone della New York Philharmonic nella primavera del 1985. Ha iniziato gli studi musicali nella nativa California con il padre, Joseph Alessi Sr. Ancora studente della San Rafael High School è stato solista con la San Francisco Symphony, prima di continuare la preparazione musicale al Curtis Institute of Music di Philadelphia. Precedentemente alla NY Philharmonic, Alessi è stato secondo trombone della Philadelphia Orchestra per quattro stagioni e Principal Trombone dell’Orchestra Sinfonica di Montreal per una stagione. Joseph Alessi è attivo sia come solista sia nella musica da camera. Nell’aprile 1990 ha debuttato da solista con la New York Philharmonic, eseguendo la Fantasia di Paul Creston per Trombone. Nel 1992 ha eseguito la Prima del Concerto per Trombone di Christopher Rouse, vincitore del Premio Pulitzer, che l’Orchestra ha commissionato per le celebrazioni del suo 150° Anniversario. La sua più recente apparizione da solista con la NY Philharmonic è stata l’esecuzione del Concerto per Trombone di James Pugh, nel marzo 2000. È stato solista ospite con la Lincoln Symphony, National Repertory Orchestra, Colorado Symphony Orchestra, Syracuse Symphony Orchestra, Alabama Symphony Orchestra, Santa Barbara Symphony, South Dakota Symphony, New Japan Philharmonic, l’Orchestra del Teatro Bellini di Catania, Mannheim National Theater Orchestra, National Symphony of Taiwan e la Hauge Philharmonic. Ha anche partecipato a numerosi Festival, come il Festival di Musica da Camera di Portogruaro, il Cabrillo Music Festival, il Swiss Brass Week e il Lieksa Brass Week in Finlandia. Ha partecipato nel 1997 all’International Trombone Festival a Feldkirch in Austria e all’International Meeting of Brass Instruments a Lille, in Francia. È membro fondatore del gruppo Summit Brass al Rafael Mendez Brass Institute di Tempe, in Arizona. Recentemente gli è stato attribuito il Premio 2002 dell’International Trombone Association per il suo contributo al mondo del Trombone. Attualmente è docente alla Juilliard School e alcuni suoi studenti occupano posti con le maggiori orchestre sinfoniche degli Stati Uniti. Come esperto della Edwards Instrument Co. ha tenuto lezioni e concerti in tutta Europa. La sua discografia include “Slide Area” con l’etichetta D’Note, “New York Legends” con la Cala e un nuovo lavoro con la Prima Tromba della NY Philharmonic, Philip Smith, per l’etichetta Summit Record intitolato “Fandango.” La registrazione dal vivo del Concerto di Rouse con la NY Philharmonic può essere ascoltata su “An American Celebration, Vol. 2” pubblicato dall’etichetta della NY Philharmonic. È stato invitato dall’International Trombone Association a registrare un disco di brani nuovi che è stato distribuito ai 5500 membri dell’associazione. Recentemente la sua registrazione di “Starchild” di George Crumb, per la Bridge Record, ha ricevuto una nomination per i Grammy 1999-2000. Ha inoltre partecipato a registrazioni con i Canadian Brass per Sony Classical e Philips.

Ha inaugurato il 1° dicembre 2015 il sito didattico www.AlessiMusicStudios.com. Il sito contiene video tutorial su vari aspetti del suonare il trombone, commenti e consigli per l’esecuzione di importanti passi d’orchestra, registrazioni di Mr. Alessi che esegue i passi d’orchestra e, infine, l’Orchestra “Machine”, un’orchestra virtuale che permette all’utente di studiare i più importanti passi d’orchestra insieme a tutta l’orchestra sinfonica.

Per ulteriore informazioni riguardo il M° Alessi si può visitare www.slidearea.com

BRANDT ATTEMA
DOCENTE OSPITE DI TROMBONE BASSO

Brandt Attema è insegnante di trombone presso la Hochschule für Musik di Karlsruhe.

Inoltre, Brandt è alla guida delle classi di trombone del Conservatorio Codarts di Rotterdam e del Conservatorio Reale dell’Aia insieme a Ben van Dijk. È membro fisso del Netherlands Wind Ensemble, il New Trombone Collective e il quartetto internazionale di tromboni Slide Monsters. Come membro del New Trombone Collective, è in parte responsabile del festival biennale Slide Factory. Nel 2008 Brandt e l’arpista Astrid Haring furono i primi al mondo a formare un duo di trombone-arpa. Da allora più di 15 composizioni sono state composte appositamente per il loro duo ed eseguono concerti in tutto il mondo.

Come solista e insegnante è ospite regolare di festival internazionali di ottoni. Tra il 1999 e il 2019 è stato trombone basso e contrabbasso della Radio Philharmonic Orchestra dei Paesi Bassi.

MARSHALL GILKES

Free-lance trombonista/compositore

Alessi Seminar Mock Audition Panel

Considerando la gamma di musica che Marshall Gilkes ha suonato nel corso della sua carriera, sarebbe facile supporre che il trombonista/compositore sia un camaleonte musicale, in grado di alterare il suo suono per adattarsi a qualsiasi situazione si trovi. Dopotutto, sembra improbabile che un suono individuale sia in grado di esprimersi in contesti così diversi come il lussureggiante impressionismo della Maria Schneider Orchestra, l’unico Quartetto di tromboni Slide Monsters, o la combustione infuocata della fiorente scena musicale latina di New York.

Marshall Gilkes ha pubblicato 5 album – in particolare il suo ultimo lavoro consiste in una straordinaria serie di composizioni per la WDR Big Band, dal titolo “Always Forward”: in questo contesto si evidenzia come il versatile trombonista possa integrare una miriade di influenze musicali in una singola performance, combinando l’invenzione spontanea del jazz con l’elegante architettura della composizione classica, con avventuroso modernismo; tecnica virtuosistica con emozione passionale.

Si tratta quindi di una rara combinazione, che ha reso Gilkes un performer, compositore, sideman ricercato fin dal suo arrivo a New York City alla fine degli anni ’90.

Ha ottenuto riconoscimenti da critici, pubblico e colleghi. Ha ricevuto due nomination ai Grammy per il suo album-Köln: migliore composizione strumentale e miglior album di grandi ensemble jazz. Nel 2003 Gilkes è stato finalista del prestigioso Concorso jazz internazionale Thelonious Monk ed ha vinto la categoria Rising Star, nonché “Miglior trombonista” nel sondaggio di critica del Jazz Times 2018. Bill Milkowski di JazzTimes ha definito Gilkes “avvincente, armoniosamente intrigante e ferocemente oscillante “, mentre Maria Schneider, bandleader, si riferisce a lui come “uno di quei musicisti che continuamente stupiscono”.

Mentre la sua carriera musicale lo ha portato sui palcoscenici in tutto il mondo, tra cui quattro anni a Colonia (Köln), in Germania, come membro della Big Band WDR, Gilkes ha familiarizzato con i viaggi molto prima che un trombone gli toccasse le labbra. Il padre di Gilkes era un trombonista e suonatore di eufonio e in seguito direttore dell’Aeronautica Militare, per cui si trasferì con la famiglia da Washington D.C. in Colorado.

L’influenza del padre è stata determinante per intraprendere lo studio del trombone a scuola, nell’ambito di un programma musicale d’istituto. La sua formazione iniziale è stata principalmente rivolta alla musica classica, ma ha ascoltato il jazz fin dalla tenera età attraverso i Falconaires, poi uno dei principali gruppi jazz dell’Air Force, e di sua iniziativa ha iniziato a collezionare album di artisti del calibro di Dizzy Gillespie e Louis Armstrong.
Gilkes è entrato nel programma jazz alla Juilliard School, sebbene abbia continuato la sua educazione classica in parallelo, compresi gli studi con Joseph Alessi, primo trombone Filarmonica di New York. Dal momento in cui si è stabilito a New York nel 1998, Gilkes ha trascorso i successivi dodici anni lavorando costantemente come sideman. Negli anni seguenti ha suonato e registrato con un’incredibile varietà di artisti e gruppi, tra cui Richard Bona, Billy Cobham e Edmar Castañeda. Il suo debutto come leader, Edenderry, nel 2004 con un quartetto con il pianista Jon Cowherd, il bassista Matt Clohesy e il batterista Johnathan Blake. Ha proseguito con le registrazioni del quintetto Lost Words nel 2008 e Sound Stories nel 2012. Con le sue ultime due uscite, Köln e Always Forward, Gilkes fa squadra con la Big Band tedesca WDR, di cui è stato membro dal 2010-2013. Durante i suoi quattro anni a Colonia, Gilkes ha lavorato con rinomati solisti, compositori e arrangiatori tra cui Michael Abene, Vince Mendoza, John Scofield, Chris Potter, Kenny Wheeler, Randy Brecker, Patti Austin, Mike Stern, Ron Carter e Maceo Parker. Dopo essere tornato a New York all’inizio del 2014, in seguito al suo interludio in Germania, continua a lavorare regolarmente con la Maria Schneider Orchestra, affiancando l’attività artistica all’insegnamento presso istituzioni di tutto il mondo tra cui il Banff Centre, il Berklee College of Music, il New England Conservatory, la New School for Jazz and Contemporary Music e l’Istituto Brubeck. Gilkes insegna trombone alla Manhattan School of Music ed è un artista per Edwards Instruments.

EIJIRO NAKAGAWA

Free-lance trombonista/compositore

Alessi Seminar Mock Audition Panel

Eijiro Nakagawa è nato a Tokyo nel 1975. E’ impegnato a suonare al fianco di alcuni dei migliori musicisti sia in Giappone che negli Stati Uniti.

Eijiro è anche un trombonista classico molto raffinato. Dal suo debutto solista nel 1996, eseguendo il David “Concertino” con la Yomiuri Nippon Symphony, è stato un grande successo quando si è esibito insieme al trombonista Yamaha, Alain Trudel. Eijiro ha anche avuto il privilegio di suonare e registrare con trombonisti d’élite come Joe Alessi, David Taylor e Jim Pugh.

Eijiro Nakagawa diventerà sicuramente una voce musicale di spicco in entrambe le parti del mondo.

NICOLA FERRO

PROFESSORE CONSERVATORIO DI MUSICA SAN PIETRO A MAJELLA DI NAPOLI

Alessi Seminar Coordinatore Cori di Tromboni
M°. Nicola Ferro musicista eclettico di fama internazionale, multi talentato estremamente versatile sia come esecutore Trombonista sia come Compositore e Arrangiatore spaziando dalla Musica Classica alla Musica Jazz, dalla Musica Elettronica alla Pop Music, dalla Musica per Film alla Dance Music. Le esperienze musicali acquisite durante il percorso professionale hanno contribuito ad una preparazione di grandissimo livello.
Nicola Ferro si è diplomato con il massimo dei voti nel 2011 al Conservatorio di Napoli. È cresciuto in una famiglia di musicisti ed ha iniziato i suoi studi musicali al pianoforte. In seguito ha iniziato a studiare trombone e nel 1996 ha conseguito il diploma in trombone presso il Conservatorio di Salerno. Ha studiato privatamente con insegnanti di fama mondiale del calibro di Ian Bousfield, Charles Vernon, Jacques Mauger, Andrea Conti, Early Anderson e molti altri. Si è esibito in Italia e in tournée internazionali con l’Orchestra dell’Opera La Fenice di Venezia, l’Orchestra Sinfonica dell’Accademia Nazionale di Roma Santa Cecilia, l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, l’Orchestra dell’Opera del Teatro Regio di Torino, l’Orchestra dell’Opera di Roma, l’Opera di San Carlo di Napoli. Ha suonato sotto la direzione di Riccardo Muti, Michael Güttler, Lorin Maazel, Daniel Oren, Antonio Pappano, George Prêtre, ecc.
Ha partecipato a numerose produzioni televisive trasmesse a livello nazionale sulla rete RAI. Come compositore e arrangiatore molto prolifico, ha una produzione di svariati CD al suo attivo tra cui “Psycoldelice 2008” con MEG, “I Signori Chonda” 2002-3 per l’etichetta Sony, “Crea” 2007, “Giochi per la Terra” 2012, “Caliente” 2013 ( con Joseph Alessi) tutto per l’etichetta Summit Records. Gli sono stati commissionati lavori per trombone da Christian Lindberg, Joseph Alessi, Jonathan Whitaker, Peter Ellefson, Massimo La Rosa. Ha insegnato nei Conservatori di Salerno, Matera, Cosenza ed è attualmente Professore di Trombone al Conservatorio di Napoli.